A cura di Amerigo Brunetti.

 

Il Sistema Nervoso gioca un ruolo ESSENZIALE nel Natural.
E questo ok, lo sappiamo. Per crescere di muscolo servono forza e abilità motorie.

La cosa meno ovvia è che il Sistema Nervoso gioca un ruolo fondamentale soprattutto nella prima fase, anzi la fase Zero, quella che precede la vera crescita.

Possiamo migliorare solo se abbiamo PREPARATO condizioni sistemiche sane, attive e sostenibili sul lungo periodo.

Come prima cosa, bisogna far girare il motore.

Questo articolo è una parte del libro sulla programmazione dell’ipertrofia, una vera e propria enciclopedia sulla pianificazione dell’allenamento con i pesi.
Il libro verrà pubblicato a brevissimo.

Ho pensato di condividere questa storia perché il caso di Thomas è davvero significativo.

 

 

Thomas mi scrive il 26 giugno.

“Ciao Amerigo…è da un po’ che volevo scriverti questo sms e dopo molte molte riflessioni personali e dopo la gara di sabato ho pensato di passare ai fatti…”

Mi chiama, parliamo.
Atleta e Personal Trainer a Venezia, laurea in Filosofia e laureando in Scienze Motorie.

Nonostante la ottima prima impressione, dopo due giorni lo richiamo, e gli dico che – dati gli impegni del momento – non mi era possibile occuparmi della sua preparazione.

Lui insiste.
“Voglio lavorare con te, vediamoci almeno per un coaching”.

Ci vediamo.

Inizia una Blitzkrieg.

Miglioramento continuo, inesorabile.
Rase al suolo le barriere di impostazione tecnica, annientato l’indice di miglioramento medio.

La spiegazione che trovate in questo articolo è un invito allo studio.

 

IL RISULTATO

 

Partiamo dall’esito di questi sei mesi di allenamento.

  • Peso corporeo inalterato
  • Girovita ridotto di 7cm
  • Abilità tecnica nei movimenti mostruosamente migliorata

 

Abbiamo lavorato sul FAR GIRARE IL MOTORE.
Pulire gli iniettori e prepararsi a spalancare il gas.

31/07/2017
Peso corporeo: 74,6kg
Girovita: 80cm

24/12/2017
Peso corporeo: 74,6kg (INALTERATO)
Girovita: 73cm

Ecco qui l’evoluzione completa dei dati: Evoluzione dati Thomas Maggiò.

 

IL RUOLO DEL SISTEMA NERVOSO

 

 

 

Per perdere 7cm di girovita e aumentare la media calorica giornaliera (quindi per gettare le basi metaboliche su cui coltivare la crescita muscolare), non abbiamo fatto ricorso ad un lavoro super-metabolico, super-stancante e… Super noioso.

Tutt’altro!

Le capacità elettriche sviluppate da Thomas sono state il vero nocciolo del programma proprio nel momento di reset del metabolismo.

Impara ad accenderti sotto carico.
Diventa impeccabile nelle esecuzioni.

Libera i cavalli.

 

Iniziamo con un protocollo di derivazione T2.

FASE A1

FASE A2

FASE A3

E da dicembre inizia un protocollo JAW modificato.

FASE B1

FASE B2

**La totalità di questi programmi verrà consegnata come dispensa al Master “Programmare l’ipertrofia” del 4 Febbraio , a Reggio Emilia.

 

La cosa particolarissima di questo programma è…  LA LINEARITA’.

Tutto calcolato a compasso e calcolatrice. Realmente: tutto squisitamente geometrico.
Vi invito a guardare con grande attenzione i programmi.

Però mi dovete fare una promessa: non usateli.
Studiateli. Capite la logica che c’è dietro. Perdeteci tempo, ma non copiateli.

Copiandoli, probabilmente funzionerebbero.
Ma lascereste due fette per strada: la comprensione della logica e la contestualizzazione del lavoro.

 

IL RUOLO DEI CARBOIDRATI

 

Istintivamente si potrebbe pensare che un lavoro di tipo prettamente “neurale” non veda di buon grado una quantità elevata di carboidrati. C’è poca attività glicolitica.

Tuttavia, Thomas ha assecondato la sua costante necessità di introdurre carboidrati, ed è passato da 250/300 grammi di carboidrati giornalieri a quota 385/450.

Un incremento che supera quota +50%.

L’introito di grassi è stato ovviamente ridimensionato, poiché si partiva da una situazione di assoluto abuso di questo macronutriente.

Questa situazione l’ho vista spessissimo, anche in atleti di powerlifting: ad un miglioramento coordinativo e di forza, corrisponde una crescente richiesta di glucidi.
Se correttamente gestita, la situazione porta ad un vero boost metabolico, un circolo virtuoso che spiana la crescita e riduce le probabilità di ingrassare nei periodi successivi.

 

Gli effetti di questa logica non si limitano quindi al solo muscolo target.

Il lavoro neurale certamente non garantisce il successo, ma ne decuplica le probabilità, gettando le basi per un nuovo potenziale di crescita.

 

L’articolo che hai letto è parte del libro 365 – Programmare l’ipertrofia.

Scarica gratuitamente l’estratto del libro
365 programmare l’ipertrofia


SaveSave